deadcuteboy:

☺ the pale blog you’ve been looking for ☺ 197.046 note // reblog
Pensa al mare più grande.

Guarda ad esempio le onde oceaniche di Biarritz e immagina di entrarci da surfista.
Non puoi pretendere di andare a sud se con la testa dei a nord. E’ una regola del surfista, ma credo che nell’amore funzioni uguale. Quando ero più piccola gli amori li volevo grandi o niente, come il surfista le onde.
Quando è arrivata quella più grande e ho perso la testa davvero, in realtà ero già stata innamorata: di un peluches, di un personaggio di piccoli problemi di cuore, di un cantante pop. Erano stati tutti buone onde, ma quando la mia anima gemella è atterrata c’è stato poco da guardare, ero sott’acqua, e lì i punti cardinali si sciolgono con il sole.
L’ho conosciuto che aveva una ragazza ed io ero persa in storie dalle quali riaffioravo ogni tanto annaspando. Di lui mi piacevano i capelli spettinati e il sorriso sghembo, gli sguardi intesi, specialmente quelli con dentro me. Mi piaceva la sua aria persa, la sua barba indecisa e quell’assomigliare un po’ ad un fumetto.Di lui mi piaceva che gli piacevo. Mi piaceva il modo di tenera la sigaretta in mano, come mi teneva stretta tra le sue braccia. Di lui mi piaceva l’odore, che non sapeva di niente, tranne che di lui. E non saprei dirti cosa mi piacesse di quell’odore, tranne che starci dentro.
Lo amavo, dio se lo amavo. E lo amo tutt’ora, ogni giorno, ogni istante. Con tutta mGuarda ad esempio le onde oceaniche di Biarritz e immagina di entrarci da surfista.
Non puoi pretendere di andare a sud se con la testa dei a nord. E’ una regola del surfista, ma credo che nell’amore funzioni uguale. Quando ero più piccola gli amori li volevo grandi o niente, come il surfista le onde.
Quando è arrivata quella più grande e ho perso la testa davvero, in realtà ero già stata innamorata: di un peluches, di un personaggio di piccoli problemi di cuore, di un cantante pop. Erano stati tutti buone onde, ma quando la mia anima gemella è atterrata c’è stato poco da guardare, ero sott’acqua, e lì i punti cardinali si sciolgono con il sole.
L’ho conosciuto che aveva una ragazza ed io ero persa in storie dalle quali riaffioravo ogni tanto annaspando. Di lui mi piacevano i capelli spettinati e il sorriso sghembo, gli sguardi intesi, specialmente quelli con dentro me. Mi piaceva la sua aria persa, la sua barba indecisa e quell’assomigliare un po’ ad un fumetto. Di lui mi piaceva che gli piacevo. Mi piaceva il modo di tenera la sigaretta in mano, come mi teneva stretta tra le sue braccia. Di lui mi piaceva l’odore, che non sapeva di niente, tranne che di lui. E non saprei dirti cosa mi piacesse di quell’odore, tranne che starci dentro.
Lo amavo, dio se lo amavo. E lo amo tutt’ora, ogni giorno, ogni istante. Con tutta me stessa, e lui diventa il nord, il mio sud, le mie notti, le mie giornate, la mia musica, le mie parole.

Lover Franci on Fotolog

3 note // reblog
456.536 note // reblog
176.072 note // reblog
102.211 note // reblog
Anonimo - Ma nella foto non è un'ortensia? Bella comunque (:

sì è un’ortensia, perché? sono un po’ fissata con questi fiori ultimamente

0 note
26 note // reblog
twelve shades of hydrangeas 13 note // reblog
29.753 note // reblog
93.868 note // reblog